Il prossimo 24 Maggio alle ore 17:30 in Largo Luigi Cossa n°36, ci sarà a Roma la presentazione del progetto di Mamsharing, ideato da Paola Cimaroli, founder di Mamsitter.

L’Associazione di promozione sociale Mamsitter Italia nasce con la finalità di creare una rete sociale tra donne, fatta di madri lavoratrici e non, facendo in modo che dalla loro interazione nasca una nuova filosofia di time sharing.

“In un tempo in cui le relazioni interpersonali sono sempre più difficili da costruire, e in cui la figura della “mamma lavoratrice” è fortemente penalizzata, ci siamo rese conto – dice il Presidente – che serviva un modo diverso di gestire i bambini, un’idea che contemplasse anche le difficoltà economiche che molte famiglie sostengono, relative alla gestione dei figli, che possono inficiare per importi importanti, pari al 50% di uno stipendio medio.

Prendendo atto che non tutte le famiglie hanno la fortuna (o la possibilità) di poter contare sull’aiuto dei nonni, così come non tutte le famiglie hanno la possibilità di assumere una baby sitter a tempo pieno, il nostro progetto nasce per risolvere parte di queste problematiche.

Il Mamsharing è una rete di mamme, localizzata in una specifica zona, dove le mamme offrono il loro tempo, ospitando i bambini delle facenti parte il circuito in casa propria una volta a settimana o due volte al mese, a seconda degli accordi e delle disponibilità orarie di ogni famiglia. Questa disponibilità sarà restituita a turnazione, dalle altre.

Iscrivendosi a questo servizio, infatti, ogni socia Mamsitter avrà diritto ad usufruire di 16 ore al mese (in cui i propri figli saranno ospitati da una mamma del circuito) previa prenotazione, entro le 72 ore precedenti, in accordo con la Responsabile di Zona e accompagnando i bambini a casa della Mamsitter disponibile. Entro e non oltre il mese, bisognerà restituire le 16 ore utilizzate.

I Vantaggi:

  1. Avere una mamma che funga da Tata a disposizione per un pomeriggio a settimana o una serata a settimana;
  2. Assicurare un ambiente familiare ai bambini;
  3. Promuovere l’amicizia tra i bambini e tra mamme;
  4. Creare una piccola comunità, coesa, nella comunità, che funga da riferimento per le mamme;
  5. Avere più tempo per sè stesse e per la coppia;
  6. Non gravare, ove fosse presente una rete familiare, sempre e unicamente sui nonni;

La presentazione è aperta alle mamme che hanno figli dai 12 mesi ai 12 anni, e non necessita di prenotazione. Saranno presenti anche le Responsabili di zona che gestiscono i circuiti di Mamsharing su Roma nei diversi quartieri, e potranno spiegare come attivarsi per partecipare o per aprire un circuito nella zona di residenza.

Vi piace questo progetto?

Se volete più informazioni potete contattare direttamente MamSitter     saranno lieti di rispondere ad ogni vostro dubbio!

 

Rispondi